La malinconia del Fado – Lisbona

Destreggiandosi tra Miradouros e Pasteis

E’ ormai un anno che sono stata a Lisbona, ma resta vivo in me il ricordo di quella splendida vacanza. Una città dove puoi andare al mare, passando per monumenti storici e degustando cibo delizioso; cosa chiedere di più?

Appena fuori dall’aeroporto vengo catapultata nell’atmosfera portoghese, corro a fare la Lisboa Card, e vado a cena! L’ostello è in una zona centrale, con tutte le comodità nelle vicinanze e con un proprietario che mi prende in simpatia e pronuncia il mio nome in modo tanto strano, quanto tenero!

Mosteiro dos Jeronimos

Ridondante, ma armonioso, questo complesso patrimonio dell’Unesco, si erge in tutta la sua maestosità dinnanzi al fiume. Fu fatto erigere da re Manuel I, per celebrare la gloria del Portogallo in ambito marittimo. Iniziato nel 1502, fu terminato un secolo dopo; architettonicamente è l’insieme di vari stili, ma la sua particolarità è la presenza delle tombe di Vasco da Gama, Fernando Pessoa e del sopracitato re.

Torre di Belem

Dal Mosteiro alla Torre, il passo è breve, e mi consente anche una pausa per assaggiare i famosi Pasteis di Belem ( http://saporiinviaggio.altervista.org/pasteis-de-nata/ ). Il suo scopo iniziale era quello di proteggere il porto, oggi rappresenta uno dei simboli della città. I particolari sono elaborati e perlopiù in stile moresco. Al suo interno è possibile visitare le anguste prigioni e la panoramica vista sul Tago dalla terrazza dell’ultimo piano.

Monumento alle Scoperte

La troverete sicuramente grazie alla sua particolare forma: è rappresentata come una torre con la punta di una caravella circondata dai maggiori navigatori portoghesi.La prima costruzione fu demolita per problemi di sicurezza, mentre la seconda, quella che si vede ancora oggi, è caratterizzata dalla lucente pietra bianca, più resistente. Dalla grande rosa dei venti situata nella piazza, potrete entrare ad esplorare la storia della navigazione portoghese, fino a raggiungere il Miradouro, ovvero la terrazza panoramiche che vi concederà una vista a 360° sulla Torre di Belem e sul Tago.

Convento do Carmo

Nel 1755 il terremoto sventrò quello che era un complesso monastico al centro di Lisbona. Attualmente potete vedere ciò che resta, e ne resterete affascinati, perchè ammirare il cielo azzurro tra le rovine delle navate, fa decisamente il suo effetto. Nel museo è addirittura conservata una mummia inca.

Estufa Fria

Non è una stufa pensate, ma bensì una serra, un’immensa serra che ospita migliaia di piante e fiori. Se cercate uno spazio tranquillo, dove rilassarvi, questo posto fa per voi; laghi, cascate, ruscelli e tantissimo verde. Per l’esattezza è divisa in tre parti:  la Estufa Fria,  Estufa Quente  e l’ Estufa Doce. Tecnologicamente, la protezione della piante è data da una copertura in legno, in modo tale da consentire alla luce di filtrare nel modo migliore.

Miradouro di Santa Lucia

Uno dei miei posti preferiti; panoramico (naturalmente), a suo modo malinconico e pieno di azulejos. Vi state chiedendo cosa sono? Be, ve lo spiego subito. Sono piastrelle in ceramica, tendenzialmente quadrate, decorate con diverse e colorate forme.  Nella terrazza, potrete ammirarne di bellissimi e avrete anche modo si perdervi tra il Tago, le antiche mura della città e gli edifici del quartiere Alfama. Troverete anche molte coppiette mano nella mano, quindi se non siete inclini alle manifestazioni pubbliche di affetto, scegliete un altro posto!

 

Ci sono tante cose che meritano di essere visitate a Lisbona, chiese, palazzi, parchi, punti panoramici, ma quello che vi coinvolgerà di più sarà l’atmosfera. Le feste serali vi accompagneranno per tutta la vacanza, il profumo di pesce fresco vi delizierà l’olfatto e i colori degli azulejos saranno un giubilo per i vostri occhi. Le persone vi riempiranno di Obrigado (grazie) e la loro gentilezza vi rallegrerà le giornate. Vivrete dei momenti meravigliosi, ricordi che resteranno sempre parte di voi, perchè il Portogallo è una terra stupenda, e non vedo l’ora di tornarci!

 

 

 

 




I commenti sono chiusi.