Coda alla Vaccinara

“Magna quer che voi e spenni quer che poi”

Ogni volta che vado a Roma, ho l’usanza di fermarmi a mangiare in una trattoria vicino alla Stazione Termini: da Luciano. Che io arrivi a ora di pranzo, cena, o alle 4 del pomeriggio, se chiedo una coda alla vaccinara, me la fanno! Qui si sperimenta la vera cucina romana, dalla gricia, alla cacio e pepe, fino al pollo ai peperoni e alla trippa alla romana. Ma veniamo al nostro piatto…

Si narra che le sue origini risiedano nel quartiere ‘Regola’ di Roma, dove un tempo vivevano i vaccinari, ossia coloro che macellavano gli animali. Fa parte del quinto quarto (gli avanzi del bovino), insieme a trippa, milza, cuore e frattaglie, e rappresentava il cibo povero destinato alle famiglie meno benestanti.